Ritorno a Milano

Soggiorno luminoso

La luce e i colori accesi dominano questo appartamento all’ottavo piano con vista sulle montagne. L’appartamento del ritorno a Milano, in equilibrio fra le dimore parigine e il modernismo milanese.

#attico
#design
#interni
#ristrutturazioni

Luogo: Milano
Anno: 2021


Il contesto

la ristrutturazione di un grande appartamento all’ottavo piano di un immobile milanese che si affaccia con vista dal Monte Rosa al Resegone.

La richiesta

Un’area per lo smart working della cliente e due piccoli rifugi lettura per le bambine. Una cucina a vista sulla zona giorno con un grande tavolo per le cene con gli amici.
La ricerca di uno stile che attinga dalla precedente dimora parigina fondendosi con il modernismo milanese.

Il progetto

La luce domina il living. Le tre grandi finestre portano la luce del sole e del tramonto nel soggiorno, dove una dopo l’altra prendono luce la grande parete blu cobalto con libreria e camino, i divani in velluto verde bosco e i termosifoni rosso pompeiano.
Il caldo parquet a tavole strette si ferma sulla soglia della cucina a vista, dove risaltano il pavimento a mosaico con fiori bianchi e neri e l’iconico frigorifero colore ghiaccio.
Il corridoio si apre sulle camere, e i protagonisti sono ancora i colori. La camera padronale con la carta da parati a tema vegetale che richiama vagamente i dipinti di Rousseau, trait d’union che lega la camera al piccolo studio per lo smart working, arredato con la scrivania e le mensole in legno.
Anche le camere delle bambine, con i soppalchi “rifugio” in legno progettati su misura e la carta da parati eclettica, seguono il carattere dei colori accesi e vibranti della casa, come il bagno dove le piastrelle rosa emergono dalla parete blu notte, in un elegante connubio.


Progettisti: Atelier delle Verdure
Incarico: Progetto preliminare, definitivo, esecutivo, direzione lavori
Cliente: Privato
Collaboratori: Giuseppe Crotti, Martina Agrofoglio
Fotografo: Irma Vecchio - Home Image
Superficie: 120 mq
Piano di sicurezza: Geom. L. Massignan