Un tappeto per la città di Crema

Anno: 2014
Progetto: Un tappeto per la città di Crema,
Progettisti: Atelier delle Verdure
Incarico: Concorso indetto da Comune di Crema

BACK IMAGES
----------------------------------------------------------------------

I tappeti della Piazza del Duomo
La piazza in quanto elemento centrale è il luogo di sperimentazione del progetto di un trattamento di suolo sensibile all’intorno e alle attività, definito come un tappeto urbano.
Il progetto elaborato tiene conto di alcuni vincoli ed elementi pre-esistenti come la viabilità e il sistema dei sottoservizi le cui reti rimangono sempre accessibili.
La viabilità di passaggio viene mantenuta lungo i bordi della piazza ad eccezione dell’attraversamento lungo l’asse via XX Settembre/via Mazzini.
Il progetto assume come riferimento geometrico-spaziale il Duomo e la cadenza delle colonne dei porticati laterali commerciali e del Comune per determinare i limiti dei differenti trattamenti.

Il tappeto storico
Il trattamento definito come tappeto storico si sviluppa a cadenza regolare in corrispondenza delle diverse campate del duomo. All’interno della trama della pavimentazione esistente, in porfido posata ad archi regolari, vengono inseriti dei tasselli in elementi metallici in sostituzione di nr. 6 cubetti di porfido.
Questi tasselli riportano una serie di incisioni riguardanti la storia della città come le date significative delle trasformazioni urbane, i nomi di personaggi rilevanti per l’arte, la musica, la politica o la letteratura, gli assedi storici alla città, etc.
Per facilitare la lettura di questi elementi all’interno del marciapiede a lato della chiesa, sono inseriti elementi metallici che illustrano le diverse incisioni e i diversi tematismi definite nelle tavole come indice.

Il tappeto delle chiacchiere
L’ambito dei dehors e più in generale, del fronte commerciale posto sul lato sud è delimitato da una alternanza di cromatismi differenti di cubetti in porfido. La pavimentazione esistente è rimossa parzialmente.
Questo ambito è inoltre caratterizzato da elementi metallici a bicchiere che permettono l’inserimento/rimozione degli elementi di arredo per l’allestimento dei plateatici.
Gli elementi a bicchiere sono collocati a cadenza variabile lungo la linea dei 10 mt a limite dei plateatici e lungo i limiti laterali di ciascuna area di pertinenza. Ciascun gestore potrà scegliere dove inserire gli elementi di arredo per la definizione dei limiti del proprio ambito.

Il tappeto sonoro
L’intervento definito tappeto sonoro riguarda un ambito della piazza posto tra il Palazzo Vescovile e quello comunale. L’intersezione tra gli assi delle colonne del palazzo comunale e gli assi del Duomo generano un ambito dove viene inserita una pavimentazione musicale con elementi modulari che emettono suoni armonici a seconda della pressione esercitata. Il resto della pavimentazione di questo ambito sarà realizzato con elementi in porfido con cromatismi differenti.

BACK IMAGES