Il Malerbario, orto botanico itinerante
Concorso 1°premio e allestimento c/o Ex Breda, Sesto San Giovanni

Anno: 2009
Progetto: il malerbario, orto botanico itinerante
Progettista: Atelier delle verdure con M. Osnaghi
Incarico: concorso, realizzazione c/o ex portineria Breda, Sesto San Giovanni (MI)
Consulenza botanica:
Gemma Assante (Università degli studi di Milano)
arch. Marta Bertani
Progetto illuminotecnico: iacobinosnaghi

BACK IMAGES
--------------------------------------------------------------

Il malerbario si propone di monitorare quei luoghi della città che specie vegetali spontanee, considerate solitamente come malerbe, erbacce e infestanti, hanno colonizzato.
Il progetto si realizza attraverso la raccolta delle erbe reperite sul posto, e la successiva costruzione di un orto botanico in cui vengono esposte e catalogate insieme alla mappatura dei luoghi in cui sono cresciute.

In occasione di Ex Breda Greenhouse si avvia la prima realizzazione del progetto: un viaggio per esplorare le memorie industriali di Sesto San Giovanni attraverso la ricognizione e catalogazione delle specie infestanti rinvenute, nell’ottica di scoprire il territorio attraverso le piante che lo hanno colonizzato.

Specie reperite:
- Fitolacca, Phytolacca
- Paulonia, Paulownia tomentosa
- Ailanto, Ailanthus altissima
- Vite, Vitis vinifera
- Edera, Hedera helix
- Buddleja
- Tasso barbasso, Verbascum
- Carota, Daucus carota
- Viola odorata, Viola mammola
- Erba vetriola, Parietaria Officinalis
- Luppolo europeo, Humulus lupulus
- Coda di topo, Phleum pratense
- Barba di vecchio, Clematis vitalba
- Camomilla inglese, Chamaemelum nobilis
- Dente di leone, Taraxacum sp
- Carpino, Carpinus betulus
- Silene, Silene vulgaris
- Artemisia, Artemisia pontica
- Artemisia bianca, Artemisia lactiflora

Die Grünen
di Ettore Favini

17 settembre 2010
"conversazioni intorno al paesaggio"

Intervengono:
Elisabetta Bianchessi, architetto e paesaggista, Paesaggi Straordinari
Melania Bugiani, architetto e paesaggista, Politecnico di Milano
Michela Pasquali, paesaggista e botanica
Francesca Tatarella, architetto paesaggista, 22 publishing

8 ottobre 2010
Noi siamo le Piante, “contribuire al paesaggio"

Blauer Hase, Vittorio Cavallini e Enrico Vezzi
Produrre in tempo reale un libro sul paesaggio coinvolgendo direttamente il pubblico, fornendo loro varie tipologie di mezzi di scrittura e un luogo di discussione in cui si è invitati a prendere appunti. L'obiettivo è creare un nuovo paesaggio condiviso, registrato alla fine della giornata dalla produzione di un libro, che verrà donato a tutti i partecipanti